domenica 28 ottobre 2012

il bildungroman negato dal protagonista


:

ritorna all’ordine ad ogni cadenza convenzionale, prima che cada tutto per esaurimento, per evitare lo spiacevole mancato utilizzo della fin troppo estesa superficie e ne strappa, i fogli, via volantini, eventi a cui, elenchi da fare,  incondizionatamente per l’ordine alfabetico. da A a Z, anche se manca Villa. un anno da singulto. ha provato anche ciò che càpita e non l’ha. farne razio di versante e ascesso negato. potrebbe essere qui, fare di se stesso l’appunto.  [il corpo e la parte interessata, soda, a caldo.] causticato il tegumento riesce ad apparire meno segnata. [ancipite la forma flessa della guancia.] la stessa in ogni diverso modo di andarsene. [conoscere il limite partitorio del certo provato.] a esibire noncuranza prende appuntamento per definitiva. [evitare che le cose.] nello sportello cigolò il prurito lo conserva l’asepsi. concessione alfabetica del proprio ritorto pneuma e limitazione della cosa acquisita.                                                                                                                                                               [o comunque da.] 
collezionare albe, innesti di surrealtà. risentirne i reni le odiate. [stasi in cui al micro sguardo lo scopo non corrisponde.] riassorbito il versato resta umido. sospetta sia l’epifisi, sia poi ormonale la colpa. 
il sondaggio è stato fatto, sedano le notizie dannose, il problema maggiore è: ma chi lo avrebbe mai detto. 
[la frase intera, il sottinteso è l’uso.] esiste una legge matematica che  descrive la posizione degli oggetti che
perdi. era per dire. che hai perso. era per sorridere. mneme intervenne a sanare l’interpretazione. salvato lo
 squallore, andò al mare. ma è un mattone. non prova a spiegare il problema della speculazione edilizia.
quante storie. la mamma al bambino a cui non legge. facciamo i conti a casa. il padre bocciato in matematica. 
[non puoi capire. racconta.] il crociato rotto, il moro, come venezia dopo anni di global warming.

[da: Pros-it, inedito]