giovedì 27 settembre 2012

martedì 25 settembre 2012

jodi.org




Reflex - #02



  *
    Mi farai fare un giro.

    
Vecchi muri vuoti.


  *
    Mattoni cavi 
    non più illuminati.

    (Chiudendo gli occhi)

    Mai più -
                   mai.


  *
    Resto qui ad accudire te - 
                               vecchio, immobile
    e mi ammalo anch'io,
    in questo vuoto - che resta
                                              e si svuota.

    Non posso fare altrimenti.


  *
    Un principio di nuova vita,
                               già allontanato.
    "Vecchio finale di partita persa,
      finito di perdere"

    Alla fine di tutto -
             tu non resterai con me.

sabato 15 settembre 2012

feel so [] / differx. 2012





i should think i
exceed two thousand repeated alterations
apparently of submarine origin the depth of a few feet into an opaque stone
(remarkable)
...have flowed from many, but not from all
the delights of collecting and studying marine animals
perhaps write a book
(remarkable)
hence probably the incrustation never acquires a great thickness
like a nearly similar pale pearly grey coating at the great cataracts
of the orinoco and nile
(remarkable)
with the upper and exposed surfaces of the shells of living mollusca
resembling in form
iron in endless gradations
(unable to trace)
artificial substance
with an angular bed fracture
of partially devitrified glass
(unable to trace)
the purest masses, according to the accumulation of shelly detritus,
with their laminae conformably breaking and dissolving the less perfectly formed globules
under the hill
(remarkable)
it dips into the sea and disappears
(unable to trace)

 

mercoledì 5 settembre 2012

Reflex

*
Non è qui che si esaurisce tutto? 
Forse più in là, sta per -
Più in là -
tutto esaurito.


*
Assonnato,assorto
rifugio alla sofferenza.
Non si è mai vista una cosa del genere.
Assolto.

              «Non è tua la colpa,
è tutto ciò che è intorno.»
Insonne, in sogno.


*
Stanza, sembra -
                               muro illuminato.
Luce affievolisce al solo guardare.
In piedi, fissare -
                              vedere 
                                            che muore.


*
Da quando (tutto iniziato -
                                              tutto finito)
ci conoscemmo.
Essere in grado di baciarsi.
Dentro bidoni sporchi,
                                   stretti.
Digli di cambiare la segatura! 
Non facevamo altro che ridere.

122 parole / carlo cuppini. 2012


cane, fango, casa, strada
vento, cane, fango, casa
strada, bosco, sasso, cielo
Elsa, bosco, casa, strada
Nara, Marco, Wilma, sparo
strada, vento, fango, cane
sparo, gamba, Velio, Enzo
sasso, sparo, cielo, bianco
Maria, Rosina, ruscello, poi
polvere, scacciano, fermano, afferrano
cane, dove, sparo, testa
fucile, Giuseppe, granata, quando
scarpa, testa, fango, terra
Norma, terra, mamma, testa
zoccolo, orbita, fegato, quando
pancia, occhio, guancia, sparo
Wilma, Anna, Lia, Anna
anni, mesi, giorni, Anna
venti, Mirta, giorni, Anna
vento, Carmine, Lilla, anni
Roberto, Gianfranco, ore, culla
sparo, collo, testa, bianco
bianco, Nadira, Maria, Maria
casa, Carla, passo, sparo
polvere, polvere, gengive, rantolo
casa, dietro, fiamma, sotto
Anna, scampo, Luigi, Maria
stanza, rifugio, silenzio, sparo
sparo, terra, vento, scampo
silenzio, respiro, aria, aria, aria, vento




[da: Dittico per Sant'Anna di Stazzema. Continua qui]

domenica 2 settembre 2012

the glitched godard series, #02




sabato 1 settembre 2012

78


oh. fa schifo: così inutile, controllo indipendente del corpo, del passato, all’auto fa il pieno. c'è ancora un making. se pensi che lui odiava il new. il ferro ha bisogno di una bici. parlando di energia, praticamente olio quanto basta poi le piante rendono, sai, in quel modo.

resurfacing

diverse popolazioni si bloccano scegliendo la pietà, dividono spese, coefficienti: somme ponderali, punti base. quanto può costarmi = “volare dove tutto è più … ?”, puoi completare con una tronca, non cfr. uranio, napalm, fosforo bianco, radiazioni ionizzanti, enola gay, duran duran, i sedicesimi sul charleston, lo spandex prende fuoco. ipotizzi il soma, l’imput cerebrale, un’unica uscita, in linea, punto a punto. soggetti che sappiano prendere il discorso, configurare una risposta, di default; li guardi e invece no. provi ryanair: è lite, tienilo a mente, val bene una messa, il sovrapprezzo. mangi leggero; sai per certo che, dopo le qualifiche, ti faranno pesare come in formula uno, casco in mano. i sovrappeso, in pole: li buttano dalla rupe tarpea, terminal 1, quarto gate. compri una birra al discount, la avvolgi nel cellophan: lo steward ti ricorda l’alcooltest. rispondi “autobus!”. obietta che l’autista potrebbe essere ubriaco. “ci stanno i pervert in giro, li becchi in bacheca, non fanno attività fisica”, di fianco: passeggeri con problemi in ingresso. fanno sollevamento pesi, non riescono ad aprire la bottiglietta dell’acqua: puoi averli con lo sconto, sui tre euro, togli il tappo quando entrano allo stadio. diverse popolazioni si bloccano, stabiliscono reti neutrali, vengono trattate con lacrime artificiali, resurfacing. provano collegamenti interni, fisici, nei fabbricati, senza manutenzione. identifica i vari elementi, il tuo vicino di casa: potrebbe non essere difficile.