venerdì 9 marzo 2012

quattro testi / simona menicocci. 2009-2010


[da: Incidenti e provvisori, di prossima pubblicazione presso La camera verde]


(la via d’uscita non è la porta d’ingresso)

guardi dove guardi
la possibilità che ci sia
e sia inclinato il profilo
della voce alle tue spalle.

non c’è passaggio:
tutto ciò che sta per finire
abita qui.

momentanea e rassicurante
ogni cosa al suo posto:
l’ordine dei ciechi
che facilita il gesto.

Cosa resta del gesto
non portato a compimento?

*

stanno morendo - le piante - muoiono o no? - tanti
a tonfi - attorno - ritornano o no? - pochi - parchi -
a chiazze - nelle piazze del mercato - i giorni pari -
i giorni dispari - la faccia tremebonda - quando non si ha
e non si hanno - soldi non solo sogni - per chi ha cose -
le cose da fare - le cose che restano e tornano domani -
da fare per essere fatte - o anche - per dire di averle -
fatte per dircelo che non - muoiono e muovono la mucosa -
della parte cava - dalla parte giusta - dall’alto verso -
attraverso il naso - lo spazio provvisorio per poca umidità -
la sinusite che soffia - soffri - gli olezzi - i profumi -
per abituarsi - la puzza nelle piazze del mercato -
anche la domenica, a cercare gli scarti - ti svegli tardi -
la domenica, ti attardi. -

Il frigo è pieno.


*

spremono falci e croci e martelli e fiamme -
premono - prenderanno - credendoti codice a barre -
numero e non parola - numero e non parola -
chiedono acqua e chiodi e chiedono - ti tolgono -
taglieranno - in parti uguali - le leggi - che violano -
volendosi - primi padroni - di patrimoni - di patrie -
pietose. - primi - prima di porsi il dubbio -
modellando la domanda - la faranno - prima -
risponderanno - ultimi - prima di ultimare -
la sentenza - le sequenze incrociate - scorci di verità -
contraffazioni - falsificandosi - contraddicendoci.

ci basteranno, bastandoci i bastoni sulle tibie dei no
più nudi per calcolare lo scarto, la risultante
per dire ennesime afonie.

ancora più inconsistenti - rincorrendoci - nelle gabbie -
ricurve - rinneghiamo - pasti lenti - passi falsi -
sulle passerelle disertate - vetrine - grembi -
da vendere - biasimandoci - con le camicie larghe.

Non vedendo. a tastoni a tamponare gli spigoli,
i contorni, il fenomeno aguzzo, i fili
che ancora tirano, tirano fuori
ma dentro, entrano dentro.

*

dondolando tra i capoversi delle giunture - scendendo -
trascinandosi - accaparrandosi - la pelle - i capillari - arrossati -
arrischiandosi - tra le vene alonate - allontanate - in fondo -
nei polpacci - dietro gli stinchi forti - a punta di cuspide inutilizzata -
rimpolpandosi - segmenti - cartilagini consunte - deformati -
affabulati - nelle virgole - respirano - svaporano -
svaporeranno - gli errori hanno fame - di linee - nubifragi - nudità.

affilàti, sfoderàti
con le macchie rosse, sotto coperta,
alitiamo, trafitture tonde,
a violare.

più volte fermàti a mangiare,
digiuneremo nelle scodelle del petto
pulito, glabro,
apriamo labbra.