lunedì 3 giugno 2013

Lv (garze koan)




vena al largo, vena folk, senti freddo, un giorno qualsiasi sei morto la risposta superlocria. l’evoluzione una opportunità una presenza scenica, diverrai cieco come me morirai. buona l’idea dei numeri locali. mangiare di tutto muoversi mangiare cinque capolavori sbattuti al trono notti firmate affondate in casa in paese nella capitale vietato comprare ammesso rubare. puoi appoggiarti, calze vuote appese, la voce continua, la voce è niente. pórtati abbastanza vestiti per tre giorni. distingue naturae debito: il mondo è cambiato. permettiti lo sforzo, gli anni da saggio. nel periodo di missione mostrò: qualità gestione versatile. disperso coppie a caccia / salvaritmo infestato trito / sollevava persino la legge / due 40 vent’anni al limite / ritorno al borgo / anche un corto / moderno ricorre a borseggi rilievi / è incapace / l’indice foschia la gente seria / ritorno al ginepro ai navigli alle liste / la  festa a oltranza al 3,7 / stati fedeli uniti per mille / cara decadenza tratta bene / bene l’attrazione / avrai deciso. bagno soda l'universo delle infezioni bolle per filtrare via miglia la missione rendeva poco i turisti applaudono direi in sintesi un patrimonio umano una chance un introito un caso di culto non sorvegliato troppa la distanza non faceva che dondolare. prendi dieci garze. prendi dieci kōan. il seme prospera, la saliva aumenta.