lunedì 18 luglio 2011

Ecco quattro testi che pongono in modo semplice e radicale il problema del rapporto tra poesia e reale.


Aram Saroyan, due minimal poems scritti negli anni Sessanta e contenuti oggi in A. Saroyan, The Complete Minimal Poems, Ugly Duckling, New York, 2007.



lighght






eyeye





Una poesia performativa di Vito Acconci, anch'essa degli anni Sessanta, oggi contenuta in V. Acconci, Language to Cover a Page: the Early Writings of Vito Acconci, a cura di Craig Dworkin, MIT Press, Cambridge, 2008:















Tradurrei cosí:



E per finire un testo-immagine di Saroyan, la famosa "m a quattro zampe", pubblicata per la prima volta, non a caso, nel 1968 (da Random House):