domenica 11 agosto 2013

si vede / differx. 2013

    
Poi infine si vede che erano vampiri e lo volevano mangiare. Forse no. Avevano una dieta rigida. Avevano perso il treno. Avevano perso tempo e non trovavano le loro vittime. Avevano anche aperto un negozio di vittime. Percorrevano l'Austria in lungo e in largo, anche fuori dal film, l'Austria è più larga che lunga, anche fuori dal film, facendo delle tournée di carattere storico, insegnando, spiegando le dinamiche del nicodemismo a gente sempre più debole.

Alla fine non sapevano spiegarlo a se stessi. Erano dei vampiri disattenti, falliti nelle grotte, che si rifugiavano nelle grotte per non essere stanati, individuati e cacciati, impalati, facevano delle pentole, dei cocci, dei prodotti artigianali, si mantenevano girando i mercatini, tenendo la bocca chiusa, la sera.

Nelle grotte facevano dei graffiti, li vendevano ai paleoantropologi con le camicie americane a quadretti. È la divisa del paleoantropologo. Non è difficile essere americano, forse è però anche un po' una questione di fortuna, di caso. Vedere il cartellone della svolta al momento giusto, parecchio dopo Vercelli. Mentre essere vampiro sì, è difficile, ci sono solo esempi romanzeschi, marchesi o conti che planano estremamente precisi dai castelli, o si stagliano con un certo piglio tra statuario e rapace sugli sfondi gotici di cui sono perfino proprietari, belle fattucchiere zannute che si attaccano ai soffitti. Invece se sei un vampiro prima di Vercelli, o a Bergamo, a Porretta, a Latina, è molto dura, fai il contabile in una ditta di contenitori per le urine, fai la pasticcera, la tagliatrice di teste, lo stesso, magari con un po' di prognatismo, di trippetta. Non è facile. Devi anche pensare alle tasse.